Piccola Biblioteca Scritte

Caro Diario, era ancora agosto e il caldo sembrava non finire mai quando, chiacchierando con Giuseppe in Bottega, è spuntata l’idea: una serie Scritte® con 10 storie d’autore per raccontare i 10 libri che più mi hanno aperto la mente e il cuore, che hanno moltiplicato le mie possibilità, che mi hanno cambiato la vita.

I 10 LIBRI CHE HO SCELTO

Eccoli qui, nell’ordine in cui sono entrati nella mia vita e in cui saranno pubblicati su Scritte®, uno al mese:

Allen Ginsberg,  Jukebox all’idrogeno
Leggi il racconto su Scritte® | Novembre 2022

Fu Xi, Re Wen, Duca di Zhou, Confucio, I Ching
Leggi il racconto su Scritte® | Dicembre 2022

Fritjof Capra, Il Tao della fisica
Leggi il racconto su Scritte® | Gennaio 2023

Emir Rodriguez Monegal, Borges. Una biografia letteraria
Leggi il racconto su Scritte® | Febbraio 2023

Salvatore Veca, Dell’Incertezza
Leggi il racconto su Scritte® | Marzo 2023

J. R. R. Tolkien, Il Signore degli Anelli
Leggi il racconto su Scritte® | Aprile 2023

James Hillman, Il codice dell’anima
Leggi il racconto su Scritte® | Maggio 2023

Antoine de Saint-Exupéry, Il piccolo principe
Leggi il racconto su Scritte® | Giugno 2023

Raymond Carver, Il mestiere di scrivere
Leggi il racconto su Scritte® | Luglio 2023

Sam Kean, Il cucchiaino scomparso
Leggi il racconto su Scritte® | Agosto 2023

COME CONTO DI SVILUPPARE LA SERIE

Le singole storie d’autore le racconto su scritte.works, una al mese, nell’ordine che ho indicato, la prima sarà dunque quella dedicata a Jukebox all’idrogeno di Allen Ginsberg. Ciascuna storia racconterà come quel libro entrato nella mia vita, i cambiamenti che ha prodotto nei miei pensieri e nelle mie azioni e tante altre cose ancora.

Invece il perché di questo esperimento di narrazione, il senso di questo esercizio di lavoro ben fatto, insomma il processo che ho attivato una volta che Giuseppe ha accettato la mia proposta, lo racconto qui. Mi piace sottolineare che questa biforcazione, questo duplice sentiero dove camminano e si incrociano le 10 storie, fa  parte essa stessa del processo di sperimentazione.

LA SCINTILLA

La visione di  Giuseppe. Le storie d’autore come fattore portante che aggiunge valore al progetto Scritte®.

IL PROCESSO CREATIVO

1. La scelta dei 10 libri da raccontare
È stata la parte più difficile. Ho comprato il mio primo libro che avevo 13 – 14 anni, oggi ne ho 67, e già questo è un bel problema, perché in più di 50 anni ne ho letti e studiati per amore, per lavoro e per svago 2 mila?, 3 mila?, boh, comunque troppi più di 10. Se c’è l’ho fatta, con riserva, perché di sicuro me ne verranno in mente altri che mi pentirò di non avere inserito, è grazie al criterio che mi sono dato.

Se avessi dovuto scegliere i 10 libri  più belli, più interessanti, che più mi hanno arricchito non ce l’avrei fatta. Penso che non ce l’avrei fatta neanche con 100, i miei libri me li sono guadagnati uno a uno, li ho amati singolarmente, tranne rarissime eccezioni, quasi tutte riferibili agli anni scolastaci, per il resto i libri che non mi prendono li ripongo dopo poche pagine sugli scaffali.

Con i libri che hanno cambiato la mia visione delle cose è stato più facile, sono comunque molti più di 10, però ce l’ho potuta fare, e ne sono contento assai. I lavori sono in corso, il racconto della Piccola Biblioteca Scritte c’è, esiste, è fatta di  libri e di storie, sarà fatta di sneakers realizzate con il contributo importante degli artigiani Patrizio Dolci.

2. La struttura della serie
Un solo format per le 10 storie o ciascuna storia con un suo format? E ancora: utilizzare i segni solo per contribuire al racconto o anche  come simboli in sé?

3. Il racconto delle singole storie
Qui, per me, la sfida più impegnativa sarà sottrarmi alla tirannia delle parole. Raccontare storie il più possibile transmediali, questo sarà il mio obiettivo.

4. I colori, i numeri, il segno e le parole
La mia Piccola Biblioteca Scritte sarà una vera e propria collana che cammina. Avrà tratti unificanti, per esempio uno dei colori che sceglierò racconterà la serie e  sarà uguale per tutte e 10 i volumi sneakers, mentre un altro sarà sempre diverso e racconterà il singolo volume, e naturalmente ci sarà il numero di uscita, e poi ancora un segno e tre parole. Sì, direi che per ora la mia piccola collana che cammina me la immagino così. Poi magari cambio, il processo creativo si nutre anche di questi cambiamenti, comunque ti tengo aggiornato amico Diario.

LA RIFLESSIONE

I criteri, il metodo, le scelte che facciamo quando avviamo un progetto sono molto importanti. Anche se alla fine quello che conta sono i contenuti, la definizione dei criteri, del metodo e delle scelte da fare  è parte fondamentale del processo creativo.

IL POST SCRIPTUM

Te l’ho detto che mi sarei pentito, caro Diario. Giuro che stavo per premere il tasto “pubblica” però poi sono arrivati i rimorsi. Per ora sono otto, ne aggiungerò al massimo altri due, questi li cito solo in ordine alfabetico, non entrano nella serie, non scrivo le storie, non scelgo le parole e disegni, però li devo nominare, altrimenti non riposo. Scusami.

Isaac Asimov, Fondazione. Il ciclo completo
Jorge Luis Borges, Finzioni
Italo Calvino, Lezioni americane
Antonio Gramsci, Quaderni del carcere
François Jullien, Pensare l’efficacia in Cina e in Occidente
Karl Marx, Manoscritti economici filosofici del 1844
Arthur I. Miller, L’equazione dell’anima
Philip Roth, Perché scrivere