Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
©credits

Il libro è la pietra

Caro Diario, ce l’ho fatta. Questa storia qui nasce nell’ambito degli Esperimenti di Narrazione della Piccola Scuola, precisamente il quinto, dedicato al racconto di un’idea che intediamo realizzare.
I miei compagni di viaggio sono stati Laura Ressa, Angelo Sciaudone, Gianluca Perazzo e mastro Jepis, ci puoi vedere nello screenshot che ho scelto come copertina, e insomma l’idea che ho scelto di raccontare è “La casa del lavoro ben fatto”, che ci terrei davvero tanto a vederla realizzata prima di appendere le scarpette al chiodo, capisci a me.
I nostri esperimenti di narrazione durano da un mese a due, e passano per varie fasi, con diversi tavoli di lavoro di norma settimanali, e insomma quando si doveva decidere con quale media raccontare la storia – testo, podcast, video, immagini, altro – io ho scelto il fumetto, e il risultato è questo che puoi vedere qui. Buona lettura.

LA CASA DEL LAVORO BEN FATTO

v1a
v2
v3
v4
v5
v6
v7
v8
v9
v10
v11a
v12a

LE COSE CHE HO IMPARATO

1. Tiene ragione Jepis, o comunque tengono ragione gli informatici da cui lo ha imparato, bisogna lavorare in beta permanente, si comincia, si procede, si aggiusta, si completa, se arrivano dei feedback si migliora anche. Specialmente se stai sperimentando, prima ti butti nella mischia e meglio è. Per fare un lavoro ben fatto bisogna creare, raccontare e ricreare senza sosta, o anche “una continuazione”, come diceva mia madre mentre ci faceva il bagno tra uno schiaffo e uno strillo perché giocando a pallone diventavamo neri per la polvere, per l’appunto, “una continuazione”.

PER SAPERNE DI PIÙ

Piccola Scuola Jepis Bottega
Sito
Youtube
Facebook

Lavoro Ben Fatto
Libro
Manifesto
Blog
Youtube
Organizzazione